Malattie cardiache e disturbi dentali

23 Ott 2013

Secondo alcune ricerche recenti, in alcuni casi esiste una connessione diretta tra disturbi cardiovascolari e malattie dentali, in particolare disturbi delle gengive. Sembrerebbe che una gengivite cronica potrebbe essere uno dei fattori che contribuiscono allo sviluppo di malattie cardiache, pericolose per la salute sia delle donne che degli uomini. Andiamo per ordine. I disturbi gengivali tra cui gengiviti ed irritazioni che portano a gonfiori e gengive sanguinanti vengono causati dai batteri che si accumulano formando una patina batterica chiamata placca. Col tempo e se non vengono rispettate le regole di una buona igiene orale, la placca si trasforma in tartaro, ben piu difficile da rimuovere se non tramite detartrasi ovvero la pulizia professionale dei denti eseguita negli studi dentistici. La placca ed il tartaro si formano soprattutto sul colletto del dente ovvero la parte dentale adiacente alla gengiva. I batteri presenti nella placca ed il tartaro con il tempo penetrano la tasca gengivale irritando la gengiva e portando ad infiammazioni.

Secondo alcune ricerche, le infezioni gengivali potrebbero favorire l'entrata dei batteri nel flusso sanguigno andando ad attaccarsi ai depositi di grasso, contribuendo cosi alla formazione di coaguli che portano ad attacchi cardiaci.

Si consiglia quindi ai pazienti con problemi cardiaci di fare particolare attenzione alla salute dentale. I denti vanno spazzolati con cura dopo ogni pasto e si consiglia di usare il filo interdentale almeno due volte al giorno per rimuovere i residui di cibo presenti negli spazi interdentali. Inoltre, il vostro dentista va informato della vostra condizione cardiaca in modo da poter avere un quadro diagnostico completo.

Chi soffre di malattie cardiovascolari e a rischio di endocarditi batteriche, ovvero durante un trattamento dentale se c'e un sanguinamento nella cavita orale, i batteri presenti nella bocca potrebbero arrivare fino al cuore attaccando le parti indebolite dalla malattia cardiaca. 

I pazienti con disturbi cardiovascolari hanno l'obbligo di informare il dentista del loro stato di salute e di tutti i farmaci di cui fanno uso. Sara il dentista ad identificare il tipo di cura che non metta a rischio il vostro stato di salute facendo attenzione a prendere tutte le precauzioni necessarie per evitare qualsiasi complicazione cardiovascolare.