Le protesi fisse

10 Nov 2013

Le protesi fisse servono a sostituire un dente o piu denti mancanti. Esse vengono fissate ad elementi pilastro tramite la cementazione e non possono essere rimosse a differenza dalle protesi mobili.

Esistono 3 tipi di protesi fissa nell'ambito dell'odontoiatria moderna:

1. Protesi di ricostruzione: l'esempio principale ne sono le corone (protesi fissa in ceramica). Ad esempio, quando un dente e talmente danneggiato dalla carie e non basta fare un' otturazione per proteggerlo, lo si avvolge da una corona dentaria che lo ricopre interamente.

2. Protesi di sostituzione: in caso di edentulismo (mancanza di uno o piu denti), si va a costruire una  serie di corone attaccate tra loro che formano un unico elemento dentario. La serie di corone vanno a ricoprire i denti adiacenti a quelli mancanti, e lo spazio vuoto viene sostituito dalle corone centrali dell'elemento dentario artificiale.

3. Protesi di fissazione: svolgono la funzione di immobilizzare un dente mobile e migliorare la funzione masticatoria distribuendo la pressione durante il masticamento ai denti contigui a quelli mobili. L'elemento dentario viene agganciato ai denti adiacenti tramite ganci.

Esistono dei precisi requisiti che assicurano una modellazione ottimale delle protesi fisse:
 
  • modellazione anatomica: il dente che si va a ricostruire deve presentare tutte le caratteristiche e l'aspetto che aveva il dente sano, per inserirsi perfettamente all'interno dell'arcata dentale
  • corretta occlusione: si deve stare attenti che l'occlusione non sia né troppo alta né troppo bassa per evitare complicazioni dentarie
  • arrotondamento cuspidale: la si pratica per prevenire un eventuale danneggiamento del dente antagonista da parte della corona che va a sostituire il dente mancante
  • ricostruzione ottimale della curvatura assiale: si tratta della forma del dente nella su superficie verticale. Una curvatura assiale corretta evitera eventuali infezioni alle gengive o carie secondaria
  • dimensioni ottimali degli spazi interstiziali e interdentali: evita ristagni di cibo e carie secondaria
  • modellazione del colletto della corona: se il dente che si andra a ricoprire e ridotto a moncone, la corona, nella sua parte che va inserita sotto la gengiva, deve avere uno spessore sottilissimo denominato a lama di coltello

In conclusione, la protesi fissa e mobile sono una soluzione ottimale per ridare ai pazienti una funzione masticatoria ottimale e nascondere inestetismi dentali.